Archivio notizie ed eventi

11/05/2016

Nuove norme per ingresso e soggiorno di studenti e ricercatori non- UE

Il Parlamento europeo ha approvato nuove norme per rendere più semplice e più attraente studiare o fare ricerca nelle università europee per le persone provenienti da paesi terzi.

 

Le nuove regole unificano due direttive già esistenti (su studenti e ricercatori) per garantire che:

-       studenti e ricercatori possano soggiornare nell'UE per almeno nove mesi dopo aver terminato i propri studi o ricerche per cercare un lavoro o di dare vita a un'attività.

-       studenti e ricercatori possano muoversi più facilmente all'interno dell'Unione europea durante il loro soggiorno;

-       i ricercatori abbiano il diritto di portare i loro familiari con loro e, a loro volta, i membri della famiglia potranno lavorare durante il soggiorno nell'UE;

-       agli studenti sia riconosciuto il diritto di lavorare almeno 15 ore a settimana.

 

La nuova direttiva prevede anche condizioni di ingresso uniformi e una protezione più efficace per i tirocinanti e i volontari che operano nell'ambito del programma di volontariato europeo. Disposizioni facoltative sono inoltre previste per altri volontari, alunni e ragazzi "au pair" non-UE, che potranno per la prima volta fare affidamento su una legge europea.

 

Per maggiori informazioni: http://www.europarl.europa.eu/news/en/news-room/20160504IPR25749/New-rules-to-attract-non-EU-students-researchers-and-interns-to-the-EU

Web Consulting: ATG