Archivio notizie ed eventi

13/10/2016

Erasmus Mundus Azione 2 –impatto sui beneficiari delle borse di studio

L’EACEA ha divulgato i risultati di uno recente studio sull’impatto del Programma Erasmus Mundus sui beneficiari delle borse di studio per la mobilità internazionale (Azione 2): “Erasmus Mundus Action 2 - Scholarship Holders' Impact Survey: Results”.

All’indagine hanno partecipato più di 8.000 beneficiari delle borse Erasmus Mundus tra il 2007 e il 2014, tra cui studenti (85%) e personale universitario, sia docente che amministrativo (15%). La maggior parte dei contributi è giunto dall’Asia (23,1%), seguita dall’Europa dell’Est (18,8%), Mediterraneo Meridionale (12,1%), Unione Europea (11,6%) America Latina (11,4%), Balcani Occidentali (8,9%), Asia Centrale (6,6%) ; Paesi ACP (3%) Iran, Iraq and Yemen (2,3%), Sud Africa (1,7%), Paesi Industrializzati (0,6%).

La maggior parte di coloro che hanno risposto al questionario ha affermato che l’esperienza di studio all’estero ha avuto un sostanziale impatto sulla loro vita, fornendo un importante sviluppo sulle conoscenze e competenze personali (52%), conoscenze linguistiche (31%), capacità di risoluzione dei problemi (23%), autostima (20%) e capacità di auto-gestione (19%). Inoltre, la maggior parte di loro ha trovato lavoro e è entusiasta delle porte che si sono parte grazie all’esperienza Erasmus Mundus (94%). In particolare, dopo la mobilità Erasmus Mundus, la maggior parte dei beneficiari continuano ad essere legati all’università di provenienza come studenti o ricercatori (43%), hanno trovato un impiego o sono lavoratori autonomi (38%), o sono legati al mondo del lavoro come tirocinanti o stagisti (2%). Solo una minoranza è disoccupata o alla ricerca di un occupazione (9%) o non corrisponde a nessuno di questi profili (8%).

In generale, lo studio fornisce dati estremamente utili per lo sviluppo degli attuali programmi e delle future azioni da intraprendere a livello di politica dell’Unione europea nelle varie Regioni del mondo in cui ha operato l’Azione 2 del Programma Erasmus Mundus.

Web Consulting: ATG